mar 15

Progetto sanità

Parlare di Sanità presuppone la conoscenza dell’atto “principe”, cioè il Piano Sanitario Regionale (PSR), che è approvato dalla Regione Toscana e dà gli indirizzi  a tutti i Piani Attuativi Locali (PAL) approvati dalle Conferenze dei Sindaci di ogni ASL.

Quindi è chiaro che i Sindaci possono e devono intervenire per promuovere politiche tese ad ottenere risorse per il proprio territorio.

La popolazione della provincia di Grosseto  ha un tasso di invecchiamento più alto di quello del resto della regione, questo è ancor più  vero nei comuni collinari come il nostro. Continua a leggere »»»

mar 01

Tavolo di confronto: terzo incontro

Apre la seduta Giomarelli, che ufficializza la candidatura a sindaco per il Partito Democratico di Marco Galli e  chiede su questo un breve giro di opinioni.

I gruppi non partitici (Partecipazione-Trasparenza, Area Cattolica che per semplicità indichiamo nella figura di Giuseppe Caramia) e Giulio Detti si dichiarano soddisfatti per la candidatura espressa dal PD, che rispecchia la linea politica che ha portato all’apertura del tavolo di confronto con le forze non partitiche, scelta dallo stesso Marco e da Daniele Pratesi.

IDV e Federazione Comunisti, rispetto alla candidatura PD, esprimono soddisfazione e condivisione. IDV ufficializza il proprio candidato di lista nella Continua a leggere »»»

feb 28

Resoconto della riunione del 24 febbraio

Presenti: 26 persone , di cui 7 di Partecipazione & Trasparenza, 2 del PD, 1 del gruppo dei fuoriusciti della maggioranza di Mecarozzi.

I restanti 16 erano componenti la lista P&T nel 2009 e persone che gravitavano in quell’area a suo tempo.

Micha apre la riunione illustrando il percorso di P&T dell’ultimo anno e mezzo, da quando, sulle richieste di grandi impianti di Fotovoltaico industriale a terra e le conseguenti Osservazioni presentate in Regione, è iniziata una collaborazione con il PD. Continua a leggere »»»

feb 23

Tavolo di confronto: secondo incontro

Di seguito la cronaca del secondo incontro a cui erano presenti i rappresentanti dei partiti politici PD, SEL, IdV, e dei gruppi non partitici Partecipazione-Trasparenza, Per il nostro comune, gruppo di area cattolica. Sulla

Questione primarie

il PD si dichiara favorevole, ma dà la priorità  alla costituzione del programma e vuole le candidature della lista prima della consultazione pubblica. Entro una settimana, annuncerà il nome del candidato sindaco. Continua a leggere »»»

feb 21

Scontro sulle primarie

All’avvio dei lavori della possibile nuova coalizione, si è avuto il primo forte punto di dissenso tra gli attori del confronto. Sinistra e Libertà ha richiesto con forza che la scelta del candidato sindaco attraverso le primarie fosse l’azione prioritaria della costituenda coalizione.

Rispetto a questa richiesta le varie forze in campo si sono espresse in modo diverso ma, a favore delle primarie subito, si sono pronunciati solo i Comunisti Italiani. Continua a leggere »»»

feb 21

Elezioni 2012

Sono appena iniziati gli incontri di un inedita possibile coalizione la cui primogenitura sta nell’apertura di contatti da parte dei dirigenti del Partito Democratico Mancianese.

Le forze che hanno aperto il tavolo di confronto sono rappresentate da partiti politici tradizionali (Partito Democratico, Sinistra Ecologia e Libertà, Federazione dei Comunisti) e da gruppi politici o associazioni (ex gruppo consiliare “Per il nostro Comune”, associazione Partecipazione-Trasparenza, un gruppo di cittadini di area cattolica rappresentati da Giuseppe Caramia e Carlo Salvucci). Continua a leggere »»»

feb 20

Possibilità di sviluppo per l’agricoltura nel territorio del comune di Manciano

Tutti noi, componenti l’associazione Partecipazione e Trasparenza, siamo convinti dell’importanza che, oggi più che mai, assumono i comportamenti e le idee individuali. La costruzione di una società civile più equilibrata ed armonica si fa dal basso, con il contributo di ogni singolo. Non ci sono problematiche su cui “non si può far nulla”, individualmente o a livello locale, solo perché la Provincia, la Regione, lo Stato o l’Europa hanno stabilito una linea politica diversa da quella che ritenevamo più idonea per il nostro territorio o la nostra comunità. Continua a leggere »»»